Cerca Dottore

Mese: marzo 2019

18 Marzo 2019

L’uveite è un’infiammazione di parte o di tutta la tunica media (vascolare) dell’occhio. Il termine si riferisce, inoltre, all’infiammazione che interessa le altre tuniche (sclera, cornea e retina).
Utile identificare l’uvea come componente della tunica media, la sua funzione è prettamente vascolare; da qui il motivo dei frequenti fenomeni infiammatori che la colpiscono. Le uveiti si distinguono mediante una classificazione anatomica in:
• Uveiti anteriori: sono le più frequenti, la loro eziologia è spesso autoimmunitaria, vi è una forte correlazione con l’HLAB27, un antigene di frequente riscontro in artrite reumatoide, Malattia di Crohn, rettocolite ulcerosa e spondilite anchilosante. A seconda del tratto colpito si distinguono in iriti (iride), cicliti (corpo ciliare), iridocicliti (entrambi) o cheratouveiti. Tra le anteriori -in genere- vanno inserite anche le cosiddette uveiti focali, originate nella maggior parte dei casi da granulomi dentari (altrimenti detti lisi periapicali) che, anche se silenti, ma non curati, possono diffondere in circolo una infezione che si localizza nell’uvea.
Il paziente riferisce dolore, fotofobia, lacrimazione e annebbiamento visivo. All’esame obiettivo mediante lampada a fessura si può osservare iperemia pericheratica congiuntivale per congestione vasale, edema corneale, pigmenti depositati sulla superficie della cornea, fino ad un quadro grave di cheratopatia a bandelletta (opacità orizzontali da lesioni della lamina di Bowman); la camera anteriore risulta ripiena di liquido torbido per la presenza di cellule infiammatorie con effetto Tyndall positivo. L’iride risulta congestionata, con pupilla in miosi, noduli sulla superficie, sinechie (aderenze) pupillari (fino alla completa seclusione pupillo-cristallina), occlusione fibrinosa della pupilla, fino all’atrofia della stessa. Il cristallino presenta sulla membrana cristalloide anteriore dei pigmenti e depositi per rottura delle sinechie, oltre che cataratta secondaria complicata, che determina opacità. Il Corpo vitreo risulta opaco per la flogosi e l’IOP (pressione endooculare) è in ipotono o in ipertono.
• Uveiti posteriori (o coroidite): il paziente riferisce dolore profondo moderato, miodesopsie, morfodesopsie, scotomi, annebbiamento, iperemia pericheratica, fotofobia e lacrimazione. All’esame obiettivo si osserva un’essudazione vitreale, alterazioni corioretiniche e quadro di vasculite retinica.
• Uveiti intermedie: abbastanza enigmatiche, dolore lieve con miodesopsie e annebbiamento visivo. Si verifcano solo alterazioni vitreali, fino a casi gravi di degenerazione maculare.
• Panuveiti

Lo studio Rapisarda Oculisti da sempre si occupa di patologie come l’Uveiti e di risolvere tale patologia nella maggior parte dei casi.


Scrivimi su WhatsApp Scrivici su WhatsApp per una visita

 

Posted in Blog by Antonino | Tags: , , ,